INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Applicabilità del silenzio assenso ex art. 17 bis, l. n. 241 del 1990 al parere reso dalla Soprintendenza sul provvedimento di autorizzazione paesaggistica

T.A.R. Campania, Salerno, sez. II, sentenza 23 giugno 2021, n. 1542

data: 02.07.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

I giudici campani intervengono sull’applicabilità dell’art. 17 bis, l. n. 241 del 1990 – a mente del quale, nei casi in cui per l’adozione di un provvedimento sia necessario l’atto di assenso di altra amministrazione, lo stesso, decorsi 30 giorni dalla richiesta anche officiosa, si intende acquisito – al parere ex art. 146, comma 8, d.lgs. n. 42/2004 reso dalla Soprintendenza sul provvedimento di autorizzazione paesaggistica stabilendo, in contrasto con altre pronunce giurisprudenziali anche recenti, che il meccanismo di silenzio assenso si applica anche in tal caso, dal momento che il parere del soprintendente non ha valore istruttorio, ma di co-decisione. Di conseguenza, in virtù del nuovo art. 2, comma 8 bis, l. n. 241/1990, decorso il termine di legge senza che sia stato adottato il parere, la Soprintendenza perde il potere di provvedere, residuandole esclusivamente il potere di autotutela sul silenzio formatosi ex art. 17 bis.

Applicabilità del silenzio assenso ex art. 17 bis, l. n. 241 del 1990 al parere reso dalla Soprintendenza sul provvedimento di autorizzazione paesaggistica

T.A.R. Campania, Salerno, sez. II, sentenza 23 giugno 2021, n. 1542

data: 02.07.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

I giudici campani intervengono sull’applicabilità dell’art. 17 bis, l. n. 241 del 1990 – a mente del quale, nei casi in cui per l’adozione di un provvedimento sia necessario l’atto di assenso di altra amministrazione, lo stesso, decorsi 30 giorni dalla richiesta anche officiosa, si intende acquisito – al parere ex art. 146, comma 8, d.lgs. n. 42/2004 reso dalla Soprintendenza sul provvedimento di autorizzazione paesaggistica stabilendo, in contrasto con altre pronunce giurisprudenziali anche recenti, che il meccanismo di silenzio assenso si applica anche in tal caso, dal momento che il parere del soprintendente non ha valore istruttorio, ma di co-decisione. Di conseguenza, in virtù del nuovo art. 2, comma 8 bis, l. n. 241/1990, decorso il termine di legge senza che sia stato adottato il parere, la Soprintendenza perde il potere di provvedere, residuandole esclusivamente il potere di autotutela sul silenzio formatosi ex art. 17 bis.