INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Bonifica dei siti inquinati e garanzie partecipative

TAR Campania, Napoli, sez. I, sentenza 9 novembre 2020, n. 5052

data: 13.11.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il TAR Campania ha ritenuto illegittima, per violazione delle garanzie procedimentali previste dalla legge sul procedimento amministrativo, un’ordinanza comunale con la quale è stato ingiunto al proprietario di un terreno oggetto di abbandono di rifiuti di bonificare l’area inquinata, in quanto adottata senza la preventiva comunicazione di avvio del procedimento.

Come chiarito dal TAR, infatti, l’ordinanza di rimozione di rifiuti abbandonati ex art. 192 del Codice dell’ambiente dev’essere preceduta da tale comunicazione.

La ratio sottesa a tale disposizione è costituita dalla potenziale rilevanza dell’apporto che i soggetti destinatari del provvedimento possono fornire in fase procedimentale, anche e soprattutto con riferimento all’accertamento delle effettive responsabilità per il deposito abusivo e alla risalenza nel tempo della situazione di degrado ambientale.

Bonifica dei siti inquinati e garanzie partecipative

TAR Campania, Napoli, sez. I, sentenza 9 novembre 2020, n. 5052

data: 13.11.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il TAR Campania ha ritenuto illegittima, per violazione delle garanzie procedimentali previste dalla legge sul procedimento amministrativo, un’ordinanza comunale con la quale è stato ingiunto al proprietario di un terreno oggetto di abbandono di rifiuti di bonificare l’area inquinata, in quanto adottata senza la preventiva comunicazione di avvio del procedimento.

Come chiarito dal TAR, infatti, l’ordinanza di rimozione di rifiuti abbandonati ex art. 192 del Codice dell’ambiente dev’essere preceduta da tale comunicazione.

La ratio sottesa a tale disposizione è costituita dalla potenziale rilevanza dell’apporto che i soggetti destinatari del provvedimento possono fornire in fase procedimentale, anche e soprattutto con riferimento all’accertamento delle effettive responsabilità per il deposito abusivo e alla risalenza nel tempo della situazione di degrado ambientale.