INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

È illegittima l’escussione della garanzia prestata, ex art. 93, comma 6, d.lgs. n. 50/2016, dal destinatario della proposta di aggiudicazione nel caso in cui a tale proposta non segua l’aggiudicazione

Cons. St., A.P., 26 aprile 2022, n. 7

data: 06.05.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

L’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato chiarisce l’ambito di applicazione dell’art. 93, comma 6, d.lgs. n. 50/2016 in tema di c.d. “garanzia provvisoria”, stabilendo che l’escussione di tale garanzia non è possibile nel caso in cui non intervenga il provvedimento di aggiudicazione in favore del destinatario della proposta di aggiudicazione: la garanzia, infatti, a mente del comma 6 menzionato, opera soltanto per la mancata sottoscrizione del contratto dopo l’aggiudicazione per cause imputabili all’aggiudicatario. Nel caso, invece, di mancata aggiudicazione al destinatario della proposta di aggiudicazione, ferma la necessità di rivolgere tale proposta al secondo classificato, il concorrente cui non sia aggiudicata la gara risponderà a titolo di responsabilità precontrattuale ex artt. 1337-1338 c.c., ma non potrà essere escussa la garanzia provvisoria prestata ex art. 93, d.lgs. n. 50/2016.

È illegittima l’escussione della garanzia prestata, ex art. 93, comma 6, d.lgs. n. 50/2016, dal destinatario della proposta di aggiudicazione nel caso in cui a tale proposta non segua l’aggiudicazione

Cons. St., A.P., 26 aprile 2022, n. 7

data: 06.05.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

L’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato chiarisce l’ambito di applicazione dell’art. 93, comma 6, d.lgs. n. 50/2016 in tema di c.d. “garanzia provvisoria”, stabilendo che l’escussione di tale garanzia non è possibile nel caso in cui non intervenga il provvedimento di aggiudicazione in favore del destinatario della proposta di aggiudicazione: la garanzia, infatti, a mente del comma 6 menzionato, opera soltanto per la mancata sottoscrizione del contratto dopo l’aggiudicazione per cause imputabili all’aggiudicatario. Nel caso, invece, di mancata aggiudicazione al destinatario della proposta di aggiudicazione, ferma la necessità di rivolgere tale proposta al secondo classificato, il concorrente cui non sia aggiudicata la gara risponderà a titolo di responsabilità precontrattuale ex artt. 1337-1338 c.c., ma non potrà essere escussa la garanzia provvisoria prestata ex art. 93, d.lgs. n. 50/2016.