INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

È illegittimo il depennamento dalla graduatoria a seguito della rinuncia del vincitore all’assunzione

T.A.R. L’Aquila, sez.I,12 aprile 2022, n.125

data: 15.04.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il T.A.R. ha ritenuto illegittimo il depennamento del primo classificato dalla graduatoria di concorso, a seguito della sua rinuncia all’assunzione, nel caso in cui né la legge né il bando di concorso prevedano tale misura come conseguenza della sua rinuncia. Il depennamento, infatti, è pregiudizievole in quanto nel periodo di validità della graduatoria esclude l’accesso del rinunciatario, previo scorrimento della graduatoria, alle successive proposte di impiego presso la medesima amministrazione o presso altre P.A. In aggiunta, l’essere vincitore di concorso può costituire titolo valutabile in altre procedure concorsuali, per cui il depennamento provocherebbe un ulteriore danno in quanto ne impedirebbe la documentazione.

È illegittimo il depennamento dalla graduatoria a seguito della rinuncia del vincitore all’assunzione

T.A.R. L’Aquila, sez.I,12 aprile 2022, n.125

data: 15.04.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il T.A.R. ha ritenuto illegittimo il depennamento del primo classificato dalla graduatoria di concorso, a seguito della sua rinuncia all’assunzione, nel caso in cui né la legge né il bando di concorso prevedano tale misura come conseguenza della sua rinuncia. Il depennamento, infatti, è pregiudizievole in quanto nel periodo di validità della graduatoria esclude l’accesso del rinunciatario, previo scorrimento della graduatoria, alle successive proposte di impiego presso la medesima amministrazione o presso altre P.A. In aggiunta, l’essere vincitore di concorso può costituire titolo valutabile in altre procedure concorsuali, per cui il depennamento provocherebbe un ulteriore danno in quanto ne impedirebbe la documentazione.