INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

È legittimo il diniego di rinnovo del porto d’armi se il titolare della licenza convive con un soggetto pregiudicato

T.A.R. Napoli, sez.V, 5 aprile 2022, n.2335

data: 07.04.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il Collegio ha considerato legittimo il diniego di rinnovo del porto d’armi fondato sull’assenza dei requisiti di affidabilità, venuti meno a causa del rapporto di convivenza instaurato dal titolare della licenza con un soggetto sottoposto a procedimento penale. Secondo la giurisprudenza consolidata, le frequentazioni abituali con individui pregiudicati possono incrementare il rischio di abuso nell’uso dell’arma da parte del titolare e possono consentire allo stesso pregiudicato la materiale disponibilità dell’arma, all’insaputa del titolare della licenza. In aggiunta, l’Autorità di pubblica sicurezza esercita un “controllo assiduo e continuo” sulla licenza in quanto il porto d’armi costituisce una eccezione alla regola generale rappresentata dal divieto di detenzione delle armi.

È legittimo il diniego di rinnovo del porto d’armi se il titolare della licenza convive con un soggetto pregiudicato

T.A.R. Napoli, sez.V, 5 aprile 2022, n.2335

data: 07.04.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il Collegio ha considerato legittimo il diniego di rinnovo del porto d’armi fondato sull’assenza dei requisiti di affidabilità, venuti meno a causa del rapporto di convivenza instaurato dal titolare della licenza con un soggetto sottoposto a procedimento penale. Secondo la giurisprudenza consolidata, le frequentazioni abituali con individui pregiudicati possono incrementare il rischio di abuso nell’uso dell’arma da parte del titolare e possono consentire allo stesso pregiudicato la materiale disponibilità dell’arma, all’insaputa del titolare della licenza. In aggiunta, l’Autorità di pubblica sicurezza esercita un “controllo assiduo e continuo” sulla licenza in quanto il porto d’armi costituisce una eccezione alla regola generale rappresentata dal divieto di detenzione delle armi.