INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sull’inopponibilità dell’eccezione di impignorabilità in sede di ottemperanza

C.G.A., Sezione giurisdizionale, sentenza non definitiva 20 gennaio 2021, n. 37

data: 22.01.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato, ricordato che, operante il principio di cui all’art. 483, c.p.c., l’azione di ottemperanza innanzi al giudice amministrativo rappresenta un rimedio concorrente (e proponibile contemporaneamente) con il processo esecutivo innanzi al giudice ordinario, ha chiarito la portata dell’istituto dell’impignorabilità di cui all’art. 159, TUEL (d.lgs. n. 267/2000).

Segnatamente, il Collegio ha escluso che l’eccezione di impignorabilità possa essere sollevata da un Ente locale nel giudizio per ottemperanza (avente ad oggetto l’esecuzione di un decreto ingiuntivo) proposto a seguito dell’emissione, da parte del giudice ordinario, dell’ordinanza di assegnazione nel procedimento esecutivo per pignoramento presso terzi nei confronti di un Comune.

Ed infatti, la richiamata disposizione del TUEL non è stata ritenuta applicabile al giudizio di ottemperanza atteso che, a seguito dell’accoglimento del ricorso ex art 112, co. 2, lett. c), c.p.a. (i.e.: ottemperanza di sentenze passate in giudicato e di altri provvedimenti ad esse equiparati del giudice ordinario), il Comune è tenuto ad allocare la somma in bilancio e ad espletare le fasi di impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento, previo reperimento dei relativi importi tra i fondi disponibili diversi da quelli vincolati.

Sull’inopponibilità dell’eccezione di impignorabilità in sede di ottemperanza

Consiglio di Stato, Sezione V, sentenza 18 gennaio 2021, n. 506

data: 22.01.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato, ricordato che, operante il principio di cui all’art. 483, c.p.c., l’azione di ottemperanza innanzi al giudice amministrativo rappresenta un rimedio concorrente (e proponibile contemporaneamente) con il processo esecutivo innanzi al giudice ordinario, ha chiarito la portata dell’istituto dell’impignorabilità di cui all’art. 159, TUEL (d.lgs. n. 267/2000).

Segnatamente, il Collegio ha escluso che l’eccezione di impignorabilità possa essere sollevata da un Ente locale nel giudizio per ottemperanza (avente ad oggetto l’esecuzione di un decreto ingiuntivo) proposto a seguito dell’emissione, da parte del giudice ordinario, dell’ordinanza di assegnazione nel procedimento esecutivo per pignoramento presso terzi nei confronti di un Comune.

Ed infatti, la richiamata disposizione del TUEL non è stata ritenuta applicabile al giudizio di ottemperanza atteso che, a seguito dell’accoglimento del ricorso ex art 112, co. 2, lett. c), c.p.a. (i.e.: ottemperanza di sentenze passate in giudicato e di altri provvedimenti ad esse equiparati del giudice ordinario), il Comune è tenuto ad allocare la somma in bilancio e ad espletare le fasi di impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento, previo reperimento dei relativi importi tra i fondi disponibili diversi da quelli vincolati.