INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Il principio di segretezza dell’offerta economica quale presidio di imparzialità delle valutazioni

Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, Sezione I, sentenza del 17 settembre 2020, n. 543

data: 24.09.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il principio di segretezza dell’offerta economica comporta che, fino a quando non si sia conclusa la valutazione degli elementi tecnici, è interdetta al seggio di gara la conoscenza di quelli economici, per evitare ogni possibile influenza sull’apprezzamento dei primi e garantire il lineare svolgimento del giudizio sull’offerta tecnica e l’attribuzione dei punteggi ai singoli criteri di valutazione.

La segretezza dell’offerta economica preserva, infatti, il corretto, libero ed indipendente svolgimento del processo intellettivo-volitivo che si conclude con il giudizio sull’offerta tecnica ed in particolare con l’attribuzione dei punteggi ai singoli criteri attraverso cui quest’ultima viene valutata.

La peculiarità del bene giuridico protetto dal principio di segretezza dell’offerta economica impone che la tutela si estenda a coprire non solo l’effettiva lesione del bene, ma anche il semplice rischio di pregiudizio, in quanto la sola possibilità di conoscenza dell’entità dell’offerta economica, prima di quella tecnica, è idonea a compromettere la garanzia di imparzialità dell’operato dell’organo valutativo (cfr., ex multis, Cons. Stato, Sez. V, 24 gennaio 2019, n. 612; Cons. Stato, Sez. V, 20 luglio 2016, n. 3287).

Il principio di segretezza dell’offerta economica quale presidio di imparzialità delle valutazioni

Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, Sezione I, sentenza del 17 settembre 2020, n. 543

data: 24.09.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il principio di segretezza dell’offerta economica comporta che, fino a quando non si sia conclusa la valutazione degli elementi tecnici, è interdetta al seggio di gara la conoscenza di quelli economici, per evitare ogni possibile influenza sull’apprezzamento dei primi e garantire il lineare svolgimento del giudizio sull’offerta tecnica e l’attribuzione dei punteggi ai singoli criteri di valutazione.

La segretezza dell’offerta economica preserva, infatti, il corretto, libero ed indipendente svolgimento del processo intellettivo-volitivo che si conclude con il giudizio sull’offerta tecnica ed in particolare con l’attribuzione dei punteggi ai singoli criteri attraverso cui quest’ultima viene valutata.

La peculiarità del bene giuridico protetto dal principio di segretezza dell’offerta economica impone che la tutela si estenda a coprire non solo l’effettiva lesione del bene, ma anche il semplice rischio di pregiudizio, in quanto la sola possibilità di conoscenza dell’entità dell’offerta economica, prima di quella tecnica, è idonea a compromettere la garanzia di imparzialità dell’operato dell’organo valutativo (cfr., ex multis, Cons. Stato, Sez. V, 24 gennaio 2019, n. 612; Cons. Stato, Sez. V, 20 luglio 2016, n. 3287).