INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Lottizzazione “cartolare” e trasmissibilità propter rem dell’illecito

Consiglio di Stato, Sezione II, sentenza 27 luglio 2020, n. 4772

data: 30.07.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento il Consiglio di Stato ha chiarito che la lottizzazione c.d. “cartolare” è ravvisabile nel caso in cui la trasformazione del suolo sia realizzata mediante il frazionamento e la vendita del terreno con atti volti in modo non equivoco a destinare i lotti a scopo di edificazione, a prescindere dalla buona fede delle parti.

Al riguardo, la Sezione ha precisato che per la configurazione della fattispecie non è sufficiente il mero frazionamento del terreno, essendo necessaria anche l’acquisizione di un quadro indiziario dal quale si possa desumere lo scopo perseguito mediante gli atti posti in essere.

La Sezione ha inoltre precisato che l’illecito in parola ha natura permanente ed è soggettivamente trasferibile propter rem, nonché sanzionabile in capo a tutti coloro che siano divenuti titolari dei terreni abusivamente lottizzati, in quanto concorrenti nella prosecuzione della fattispecie.

Lottizzazione “cartolare” e trasmissibilità propter rem dell’illecito

Consiglio di Stato, Sezione II, sentenza 27 luglio 2020, n. 4772

data: 30.07.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento il Consiglio di Stato ha chiarito che la lottizzazione c.d. “cartolare” è ravvisabile nel caso in cui la trasformazione del suolo sia realizzata mediante il frazionamento e la vendita del terreno con atti volti in modo non equivoco a destinare i lotti a scopo di edificazione, a prescindere dalla buona fede delle parti.

Al riguardo, la Sezione ha precisato che per la configurazione della fattispecie non è sufficiente il mero frazionamento del terreno, essendo necessaria anche l’acquisizione di un quadro indiziario dal quale si possa desumere lo scopo perseguito mediante gli atti posti in essere.

La Sezione ha inoltre precisato che l’illecito in parola ha natura permanente ed è soggettivamente trasferibile propter rem, nonché sanzionabile in capo a tutti coloro che siano divenuti titolari dei terreni abusivamente lottizzati, in quanto concorrenti nella prosecuzione della fattispecie.