INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Onere di verifica del Comune sulla legittimazione a richiedere il permesso di costruire

Cons. Stato, sez. IV, 15 marzo 2022, n. 1827

data: 18.03.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il Consiglio di Stato ha ribadito che per il rilascio del permesso di costruzione è necessario che il richiedente del titolo edilizio sia tenuto a dimostrare la sua legittimazione; il permesso di costruire infatti può essere richiesto non solo dal proprietario dell’immobile ma da chiunque abbia titolo per domandarlo, ai sensi dell’art.11, comma 1, D.P.R. n. 380/2001.

Il Comune invece è tenuto a controllare l’effettiva sussistenza del titolo (di proprietà) che fondi una relazione giuridicamente qualificata tra soggetto e bene oggetto dell’intervento, e che dunque possa renderlo destinatario del permesso di costruzione. Tale verifica, inoltre deve compiersi secondo un criterio di ragionevolezza ma l’Amministrazione non è tenuta a dimostrare la “pienezza” del titolo medesimo.

Onere di verifica del Comune sulla legittimazione a richiedere il permesso di costruire

Cons. Stato, sez. IV, 15 marzo 2022, n. 1827

data: 18.03.2022
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il T.A.R. Sardegna ha considerato legittima la sanzione disciplinare del “rimprovero“ irrogata ad un militare che ha inoltrato su un’applicazione di messaggistica istantanea (WhatsApp), una serie di messaggi lesivi del prestigio degli Ufficiali di grado superiore.

L’Amministrazione, infatti, nel momento in cui viene a conoscenza del contenuto lesivo della comunicazione, è tenuta a valutarlo per l’applicazione della sanzione disciplinare.

A tale riguardo, infatti, l’amministrazione gode di un’ampia discrezionalità nella valutazione di fatti che possono assumere una rilevanza disciplinare nell’ordinamento militare e tale discrezionalità non può essere sindacabile dinanzi al giudice di legittimità.