INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sui limiti del soccorso istruttorio nel contratto di avvalimento

TAR LAZIO – ROMA, SEZ. II – sentenza 15 febbraio 2021 n. 1842

data: 18.02.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Collegio ha rilevato come non sia possibile ammettere ad una gara una ditta che, nel contratto di avvalimento operativo prodotto al fine di comprovare il requisito dell’esperienza nel settore, si sia limitata a dedurre affermazioni generiche, senza indicare puntualmente i mezzi, il personale, il know-how e la prassi aziendale messi a disposizione e che sono indispensabili per rendere determinato l’impegno dell’impresa ausiliaria nei confronti della stazione appaltante e della impresa ausiliata.  Le lacune del contratto di avvalimento, tali da determinarne la nullità, non possono essere colmate con il soccorso istruttorio, dovendo il predetto contratto, necessario per consentire al concorrente di partecipare alla gara, essere valido sin da principio, con conseguente impossibilità di apportarvi integrazioni postume; il soccorso istruttorio, infatti, è un istituto volto solo a chiarire e a completare dichiarazioni o documenti comunque esistenti ed efficaci e non è, quindi, applicabile quando, in sede di gara, si sia accertata la sostanziale carenza di un requisito essenziale per la partecipazione.

Sui limiti del soccorso istruttorio nel contratto di avvalimento

TAR LAZIO – ROMA, SEZ. II – sentenza 15 febbraio 2021 n. 1842

data: 18.02.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Collegio ha rilevato come non sia possibile ammettere ad una gara una ditta che, nel contratto di avvalimento operativo prodotto al fine di comprovare il requisito dell’esperienza nel settore, si sia limitata a dedurre affermazioni generiche, senza indicare puntualmente i mezzi, il personale, il know-how e la prassi aziendale messi a disposizione e che sono indispensabili per rendere determinato l’impegno dell’impresa ausiliaria nei confronti della stazione appaltante e della impresa ausiliata.  Le lacune del contratto di avvalimento, tali da determinarne la nullità, non possono essere colmate con il soccorso istruttorio, dovendo il predetto contratto, necessario per consentire al concorrente di partecipare alla gara, essere valido sin da principio, con conseguente impossibilità di apportarvi integrazioni postume; il soccorso istruttorio, infatti, è un istituto volto solo a chiarire e a completare dichiarazioni o documenti comunque esistenti ed efficaci e non è, quindi, applicabile quando, in sede di gara, si sia accertata la sostanziale carenza di un requisito essenziale per la partecipazione.