INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sul mutamento della destinazione d’uso di un immobile

Consiglio di Stato, Sezione VI, sentenza 4 marzo 2021, n. 1857

data: 11.03.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il Consiglio di Stato ha ribadito che la disciplina statale dei mutamenti di destinazione d’uso degli edifici e delle unità immobiliari (art. 23-ter, d.P.R. n. 380/2001) contempla anche i mutamenti non accompagnati dall’esecuzione di opere edilizie, purché tali da comportare l’assegnazione dell’immobile ad una diversa categoria funzionale. Il medesimo art. 23-ter, ai fini del mutamento della destinazione d’uso, ha tipizzato cinque categorie funzionali: (i) residenziale; (ii) turistico-ricettiva; (iii) produttiva e direzionale; (iv) commerciale; (v) rurale.

Il Collegio ha infine precisato che il mutamento della destinazione d’uso tra categorie funzionali ontologicamente diverse, anche se effettuato senza opere edilizie, è sanzionabile con la misura ripristinatoria, ove realizzato in mancanza di permesso di costruire.

Sul mutamento della destinazione d’uso di un immobile

Consiglio di Stato, Sezione VI, sentenza 4 marzo 2021, n. 1857

data: 11.03.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Con il provvedimento in commento, il Consiglio di Stato ha ribadito che la disciplina statale dei mutamenti di destinazione d’uso degli edifici e delle unità immobiliari (art. 23-ter, d.P.R. n. 380/2001) contempla anche i mutamenti non accompagnati dall’esecuzione di opere edilizie, purché tali da comportare l’assegnazione dell’immobile ad una diversa categoria funzionale. Il medesimo art. 23-ter, ai fini del mutamento della destinazione d’uso, ha tipizzato cinque categorie funzionali: (i) residenziale; (ii) turistico-ricettiva; (iii) produttiva e direzionale; (iv) commerciale; (v) rurale.

Il Collegio ha infine precisato che il mutamento della destinazione d’uso tra categorie funzionali ontologicamente diverse, anche se effettuato senza opere edilizie, è sanzionabile con la misura ripristinatoria, ove realizzato in mancanza di permesso di costruire.