INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sulla responsabilità precontrattuale della P.A. nel project financing

Consiglio di Stato, Sezione V, sentenza 11 gennaio 2021, n. 368

data: 14.01.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato ha ribadito che la P.A. può essere chiamata a risarcire il danno recato dal suo comportamento non ispirato ai canoni di correttezza e buona fede e, perciò, lesivo delle legittime aspettative ingenerate nel privato.

Segnatamente, la Sezione ha affermato la sussistenza della responsabilità precontrattuale dell’Amministrazione che, nel procedimento di project financing, abbia dapprima approvato senza riserve il progetto del promotore salvo poi agire in autotutela per l’annullamento, essendosi avveduta di insuperabili ragioni ostative che, pur fondate, avrebbero potuto (e dovuto) essere immediatamente rilevate.

In tal caso, il Collegio ha chiarito che i danni debbono essere parametrati al c.d. “interesse negativo” consistente nelle spese inutilmente sopportate per partecipare al procedimento (danno emergente) e nella perdita di occasioni di guadagno alternative (lucro cessante).

Sulla responsabilità precontrattuale della P.A. nel project financing

Consiglio di Stato, Sezione V, sentenza 11 gennaio 2021, n. 368

data: 14.01.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato ha ribadito che la P.A. può essere chiamata a risarcire il danno recato dal suo comportamento non ispirato ai canoni di correttezza e buona fede e, perciò, lesivo delle legittime aspettative ingenerate nel privato.

Segnatamente, la Sezione ha affermato la sussistenza della responsabilità precontrattuale dell’Amministrazione che, nel procedimento di project financing, abbia dapprima approvato senza riserve il progetto del promotore salvo poi agire in autotutela per l’annullamento, essendosi avveduta di insuperabili ragioni ostative che, pur fondate, avrebbero potuto (e dovuto) essere immediatamente rilevate.

In tal caso, il Collegio ha chiarito che i danni debbono essere parametrati al c.d. “interesse negativo” consistente nelle spese inutilmente sopportate per partecipare al procedimento (danno emergente) e nella perdita di occasioni di guadagno alternative (lucro cessante).