INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sulla scelta di suddividere in lotti la gara d’appalto

Consiglio di Stato, sentenza 30 settembre 2020 n. 5746

data: 02.10.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato è tornato a ribadire che, affinché la scelta della stazione appaltante di suddividere la gara in lotti possa considerarsi legittima, è necessario verificare se l’Amministrazione abbia osservato il “protocollo” operativo, così come delineato dalla giurisprudenza, e che consente di ritenere legittima la suddivisione in lotti. In particolare, occorre valutare se: 1) la Stazione appaltante abbia motivato congruamente le ragioni sottese alla suddivisione in lotti disposta; 2) tale scelta sia logica e coerente con l’interesse pubblico perseguito in concreto. Il Collegio, inoltre, ha ricordato come la suddivisione in lotti sia espressione di una valutazione discrezionale dell’amministrazione sindacabile in sede giurisdizionale sotto l’aspetto della ragionevolezza e proporzionalità e dell’adeguatezza dell’istruttoria.

Sulla scelta di suddividere in lotti la gara d’appalto

Consiglio di Stato, sentenza 30 settembre 2020 n. 5746

data: 02.10.2020
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

Il Consiglio di Stato è tornato a ribadire che, affinché la scelta della stazione appaltante di suddividere la gara in lotti possa considerarsi legittima, è necessario verificare se l’Amministrazione abbia osservato il “protocollo” operativo, così come delineato dalla giurisprudenza, e che consente di ritenere legittima la suddivisione in lotti. In particolare, occorre valutare se: 1) la Stazione appaltante abbia motivato congruamente le ragioni sottese alla suddivisione in lotti disposta; 2) tale scelta sia logica e coerente con l’interesse pubblico perseguito in concreto. Il Collegio, inoltre, ha ricordato come la suddivisione in lotti sia espressione di una valutazione discrezionale dell’amministrazione sindacabile in sede giurisdizionale sotto l’aspetto della ragionevolezza e proporzionalità e dell’adeguatezza dell’istruttoria.