INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sull’illegittimità del vincolo storico artistico con cui si imponga una specifica destinazione d’uso ad un immobile

T.A.R. Lazio, Roma, sez. II quater, sentenza 19 maggio 2021 n. 5864

data: 27.05.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

I giudici romani si esprimono sulla possibilità di imporre una specifica destinazione d’uso ad un immobile attraverso l’apposizione del vincolo storico-artistico, ai sensi dell’art. 10, comma 3, lett. d), e dell’art. 7-bis, d.lgs. n. 42 del 2004, stabilendo l’illegittimità del provvedimento con cui sia fatto divieto di mutare la destinazione d’uso dell’immobile tutelato: infatti, il vincolo storico-artistico è finalizzato alla mera conservazione in buono stato dei beni culturali, per cui è in grado di precludere i soli usi dell’immobile “non compatibili” con le ragioni di tutela, ma non di imporre lo svolgimento al suo interno di una specifica attività, ad eccezione dei casi in cui ciò sia espressamente previsto dalla legge. In altri termini, il vincolo tutela l’immobile e non l’attività che vi si svolge.

Sull’illegittimità del vincolo storico artistico con cui si imponga una specifica destinazione d’uso ad un immobile

T.A.R. Lazio, Roma, sez. II quater, sentenza 19 maggio 2021 n. 5864

data: 27.05.2021
Area: Amministrativo, Energia e Ambiente

I giudici romani si esprimono sulla possibilità di imporre una specifica destinazione d’uso ad un immobile attraverso l’apposizione del vincolo storico-artistico, ai sensi dell’art. 10, comma 3, lett. d), e dell’art. 7-bis, d.lgs. n. 42 del 2004, stabilendo l’illegittimità del provvedimento con cui sia fatto divieto di mutare la destinazione d’uso dell’immobile tutelato: infatti, il vincolo storico-artistico è finalizzato alla mera conservazione in buono stato dei beni culturali, per cui è in grado di precludere i soli usi dell’immobile “non compatibili” con le ragioni di tutela, ma non di imporre lo svolgimento al suo interno di una specifica attività, ad eccezione dei casi in cui ciò sia espressamente previsto dalla legge. In altri termini, il vincolo tutela l’immobile e non l’attività che vi si svolge.