INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Gli effetti della sospensione del titolo esecutivo del creditore intervenuto ai fini del riparto

Cassazione civile, sez. III, 16 Febbraio 2021, n. 4034. Pres. Vivaldi. Est. D’Arrigo

data: 23.04.2021
Area: Contenzioso e Arbitrati

La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento, ha stabilito che nell’ambito di un procedimento di esecuzione forzata al quale partecipano più creditori, qualora il titolo del creditore intervenuto, provvisoriamente sospeso, riacquisti efficacia esecutiva prima dell’approvazione del progetto di distribuzione definitivo, l’effetto preclusivo della partecipazione alla distribuzione delle somme ricavate dalla vendita deve ritenersi limitato alle distribuzioni avvenute medio tempore. La ratio di tale decisione è da rinvenire nell’esigenza del rispetto del principio della par condicio creditorum e nella necessità di evitare una irragionevole disparità di trattamento, rispetto alla posizione del creditore pignorante, nei confronti dell’interveniente, al quale deve essere riconosciuta la legittimazione a concorrere alle ulteriori fasi distributive.

Gli effetti della sospensione del titolo esecutivo del creditore intervenuto ai fini del riparto

Cassazione civile, sez. III, 16 Febbraio 2021, n. 4034. Pres. Vivaldi. Est. D’Arrigo

data: 23.04.2021
Area: Contenzioso e Arbitrati

La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento, ha stabilito che nell’ambito di un procedimento di esecuzione forzata al quale partecipano più creditori, qualora il titolo del creditore intervenuto, provvisoriamente sospeso, riacquisti efficacia esecutiva prima dell’approvazione del progetto di distribuzione definitivo, l’effetto preclusivo della partecipazione alla distribuzione delle somme ricavate dalla vendita deve ritenersi limitato alle distribuzioni avvenute medio tempore. La ratio di tale decisione è da rinvenire nell’esigenza del rispetto del principio della par condicio creditorum e nella necessità di evitare una irragionevole disparità di trattamento, rispetto alla posizione del creditore pignorante, nei confronti dell’interveniente, al quale deve essere riconosciuta la legittimazione a concorrere alle ulteriori fasi distributive.