INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Il provvedimento di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato deve essere sempre considerato autonomo rispetto al giudizio di merito cui esso si riferisce

Cassazione civile, sez. I, 28 Luglio 2020, n. 16117. Pres. Magda Cristiano. Est. Maria Acierno

data: 30.10.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Il provvedimento di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato deve essere sempre considerato autonomo rispetto al giudizio di merito cui esso si riferisce; per tale ragione, questo provvedimento è soggetto ad un regime di impugnazione ad hoc, disciplinato dagli artt. 170 del D.P.R. n. 115 del 2002 e 15 del D. Lgs. n. 150 del 2011. Inoltre, la Suprema Corte, con la pronuncia in esame, ha ritenuto che contro tale provvedimento possa ammettersi anche il ricorso ex art. 111 Cost.; viceversa, ha ritenuto, invece, di escludere che della revoca, anche se irritualmente disposta dal giudice di merito, possa essere investita la Corte di Cassazione in sede di ricorso avverso la decisione emessa.

Il provvedimento di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato deve essere sempre considerato autonomo rispetto al giudizio di merito cui esso si riferisce

Cassazione civile, sez. I, 28 Luglio 2020, n. 16117. Pres. Magda Cristiano. Est. Maria Acierno

data: 30.10.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Il provvedimento di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato deve essere sempre considerato autonomo rispetto al giudizio di merito cui esso si riferisce; per tale ragione, questo provvedimento è soggetto ad un regime di impugnazione ad hoc, disciplinato dagli artt. 170 del D.P.R. n. 115 del 2002 e 15 del D. Lgs. n. 150 del 2011. Inoltre, la Suprema Corte, con la pronuncia in esame, ha ritenuto che contro tale provvedimento possa ammettersi anche il ricorso ex art. 111 Cost.; viceversa, ha ritenuto, invece, di escludere che della revoca, anche se irritualmente disposta dal giudice di merito, possa essere investita la Corte di Cassazione in sede di ricorso avverso la decisione emessa.