INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

In pendenza di un’opposizione a decreto ingiuntivo, se la domanda del creditore è infondata, il giudice non si deve limitare alla revoca del decreto

Cassazione civile, sez. I, 19 Aprile 2021, n. 10263. Pres. De Chiara. Est. Nazzicone

data: 07.05.2021
Area: Contenzioso e Arbitrati

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha stabilito che poiché tramite l’opposizione a decreto ingiuntivo si instaura un giudizio ordinario di cognizione, il giudice, laddove ritenga l’opposizione fondata, non deve limitarsi a revocare il decreto, ma, dopo aver valutato tutti gli elementi offerti dalle parti, deve provvedere al rigetto della domanda proposta del creditore qualora ritenga il credito insussistente.

In pendenza di un’opposizione a decreto ingiuntivo, se la domanda del creditore è infondata, il giudice non si deve limitare alla revoca del decreto

Cassazione civile, sez. I, 19 Aprile 2021, n. 10263. Pres. De Chiara. Est. Nazzicone

data: 07.05.2021
Area: Contenzioso e Arbitrati

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha stabilito che poiché tramite l’opposizione a decreto ingiuntivo si instaura un giudizio ordinario di cognizione, il giudice, laddove ritenga l’opposizione fondata, non deve limitarsi a revocare il decreto, ma, dopo aver valutato tutti gli elementi offerti dalle parti, deve provvedere al rigetto della domanda proposta del creditore qualora ritenga il credito insussistente.