INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

L’esenzione dalla sospensione feriale dei termini, prevista per i giudizi di opposizione all’esecuzione, si applica anche alla domanda accessoria ex art. 96 c.p.c..

Cassazione civile, sez. VI, 05 Giugno 2020, n. 10661. Pres. D’Ascola. Est. Criscuolo

data: 09.07.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Nel giudizio di opposizione all’esecuzione, la domanda di risarcimento danni per responsabilità aggravata, proposta ai sensi dell’art. 96 c.p.c., ha natura meramente accessoria e non è, dunque, autonoma rispetto alla domanda principale di opposizione. Pertanto, la Corte di Cassazione ha chiarito che, nell’ipotesi in cui l’appello proposto avverso la sentenza di primo grado abbia ad oggetto esclusivamente la domanda dell’opponente di accertamento della responsabilità dell’opposta, l’esenzione dalla sospensione feriale dei termini, prevista per i giudizi di opposizione all’esecuzione, si applicherà anche alla domanda accessoria ex art. 96 c.p.c., in virtù della prevalenza del regime previsto per la causa principale.

L’esenzione dalla sospensione feriale dei termini, prevista per i giudizi di opposizione all’esecuzione, si applica anche alla domanda accessoria ex art. 96 c.p.c..

Cassazione civile, sez. VI, 05 Giugno 2020, n. 10661. Pres. D’Ascola. Est. Criscuolo

data: 09.07.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Nel giudizio di opposizione all’esecuzione, la domanda di risarcimento danni per responsabilità aggravata, proposta ai sensi dell’art. 96 c.p.c., ha natura meramente accessoria e non è, dunque, autonoma rispetto alla domanda principale di opposizione. Pertanto, la Corte di Cassazione ha chiarito che, nell’ipotesi in cui l’appello proposto avverso la sentenza di primo grado abbia ad oggetto esclusivamente la domanda dell’opponente di accertamento della responsabilità dell’opposta, l’esenzione dalla sospensione feriale dei termini, prevista per i giudizi di opposizione all’esecuzione, si applicherà anche alla domanda accessoria ex art. 96 c.p.c., in virtù della prevalenza del regime previsto per la causa principale.