INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

L’impugnazione del preavviso di fermo si sostanzia in un’azione di accertamento negativo del credito

Cassazione civile, sez. III, 08 Aprile 2020, n. 7756. Pres. Adelaide Amendola. Est. Porreca

data: 05.06.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Con la pronuncia in esame, la Corte di Cassazione ha chiarito che l’impugnazione del preavviso di fermo si sostanzia in un’azione di accertamento negativo della pretesa creditoria. Ne deriva che, al momento della pronuncia conclusiva del giudizio, l’interesse di ottenere la declaratoria d’inibizione all’iscrizione del fermo resta in capo all’attore, anche nell’ipotesi in cui sia stata proposta un’ulteriore domanda di accertamento circa l’insussistenza o l’illegittimità delle ragioni di credito sulle quali tale preavviso si fondava.

L’impugnazione del preavviso di fermo si sostanzia in un’azione di accertamento negativo del credito

Cassazione civile, sez. III, 08 Aprile 2020, n. 7756. Pres. Adelaide Amendola. Est. Porreca

data: 05.06.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

Con la pronuncia in esame, la Corte di Cassazione ha chiarito che l’impugnazione del preavviso di fermo si sostanzia in un’azione di accertamento negativo della pretesa creditoria. Ne deriva che, al momento della pronuncia conclusiva del giudizio, l’interesse di ottenere la declaratoria d’inibizione all’iscrizione del fermo resta in capo all’attore, anche nell’ipotesi in cui sia stata proposta un’ulteriore domanda di accertamento circa l’insussistenza o l’illegittimità delle ragioni di credito sulle quali tale preavviso si fondava.