INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione si verifica quando il sacrificio del debitore, coinvolto in diverse procedure esecutive, non sia giustificato da un ragionevole interesse del creditore

Tribunale Genova, 29 Giugno 2020. Est. Balba

data: 11.09.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

La limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione, a seguito dell’opposizione del debitore promossa ai sensi dell’art. 483 c.p.c., è eccezionale. Infatti, con la pronuncia in esame, il Tribunale di Genova ha concluso che la limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione si verifica esclusivamente nell’ipotesi in cui vi sia un abuso del cumulo stesso, e cioè quando il sacrificio del debitore, coinvolto in diverse procedure esecutive, non sia giustificato da un ragionevole ed apprezzabile interesse del creditore. Ne deriva, dunque, che non è considerato abuso del cumulo dei mezzi di espropriazione il comportamento del creditore chirografario che, trovandosi a concorrere in una prima esecuzione insieme con dei creditori ipotecari, instauri una seconda procedura esecutiva al fine di tutelare il proprio interesse ad un rapido soddisfacimento del credito vantato.

La limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione si verifica quando il sacrificio del debitore, coinvolto in diverse procedure esecutive, non sia giustificato da un ragionevole interesse del creditore

Tribunale Genova, 29 Giugno 2020. Est. Balba

data: 11.09.2020
Area: Contenzioso e Arbitrati

La limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione, a seguito dell’opposizione del debitore promossa ai sensi dell’art. 483 c.p.c., è eccezionale. Infatti, con la pronuncia in esame, il Tribunale di Genova ha concluso che la limitazione del cumulo dei mezzi di espropriazione si verifica esclusivamente nell’ipotesi in cui vi sia un abuso del cumulo stesso, e cioè quando il sacrificio del debitore, coinvolto in diverse procedure esecutive, non sia giustificato da un ragionevole ed apprezzabile interesse del creditore. Ne deriva, dunque, che non è considerato abuso del cumulo dei mezzi di espropriazione il comportamento del creditore chirografario che, trovandosi a concorrere in una prima esecuzione insieme con dei creditori ipotecari, instauri una seconda procedura esecutiva al fine di tutelare il proprio interesse ad un rapido soddisfacimento del credito vantato.