INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Concordato preventivo ed emergenza Covid-19: il debitore potrà beneficiare di un ulteriore termine per la presentazione di una nuova proposta e di un nuovo piano

Tribunale Pistoia, 05 Maggio 2020. Pres., est. Nicoletta Curci

Con la pronuncia in oggetto, il Tribunale di Pistoia nell’interpretazione dell’art. 9, comma 2, del D.L. 23/2020, ha chiarito che nella procedura di concordato preventivo, qualora la proposta sia stata votata negativamente dai creditori intervenuti, il debitore potrà beneficiare di un ulteriore termine per la presentazione di una nuova proposta e di un nuovo piano. Il termine previsto dall’art. 9, comma 2, D.L. 23/2020, decorre dalla data di emissione del provvedimento di concessione, non è prorogabile e, vista la natura eccezionale della misura d’urgenza, non è soggetto a sospensione feriale. Conseguentemente, la concessione del termine di cui all’art. 9, comma 2, D.L. 23/2020 determina la regressione della procedura concordataria alla sua fase di ammissibilità, con conseguente ripetizione degli oneri di corredo documentale prescritti dall’art. 161, commi 2 e 3, l.fall..

Concordato preventivo ed emergenza Covid-19: il debitore potrà beneficiare di un ulteriore termine per la presentazione di una nuova proposta e di un nuovo piano

Tribunale Pistoia, 05 Maggio 2020. Pres., est. Nicoletta Curci

Con la pronuncia in oggetto, il Tribunale di Pistoia nell’interpretazione dell’art. 9, comma 2, del D.L. 23/2020, ha chiarito che nella procedura di concordato preventivo, qualora la proposta sia stata votata negativamente dai creditori intervenuti, il debitore potrà beneficiare di un ulteriore termine per la presentazione di una nuova proposta e di un nuovo piano. Il termine previsto dall’art. 9, comma 2, D.L. 23/2020, decorre dalla data di emissione del provvedimento di concessione, non è prorogabile e, vista la natura eccezionale della misura d’urgenza, non è soggetto a sospensione feriale. Conseguentemente, la concessione del termine di cui all’art. 9, comma 2, D.L. 23/2020 determina la regressione della procedura concordataria alla sua fase di ammissibilità, con conseguente ripetizione degli oneri di corredo documentale prescritti dall’art. 161, commi 2 e 3, l.fall..