INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

In tema di accertamento passivo, il credito del vettore può essere provato deducendo la consegna dei beni mobili nei confronti del compratore fallito

Cassazione civile, sez. VI, 22 settembre 2020. N. 19719. Pres. Acierno. Est. Vella

La Corte di Cassazione con la pronuncia in esame ha previsto che, in caso di fallimento dell’acquirente, il credito vantato dal venditore, relativo ai beni mobili da trasportare da un luogo ad un altro, può essere provato allegando la prova che il bene sia stato effettivamente consegnato al vettore o allo spedizioniere. Infatti, secondo l’interpretazione dell’articolo 1510 c.c. fornita dalla Suprema Corte, è con la consegna della merce che si perfeziona il trasferimento della proprietà della res in capo all’acquirente.

In tema di accertamento passivo, il credito del vettore può essere provato deducendo la consegna dei beni mobili nei confronti del compratore fallito

Cassazione civile, sez. VI, 22 settembre 2020. N. 19719. Pres. Acierno. Est. Vella

La Corte di Cassazione con la pronuncia in esame ha previsto che, in caso di fallimento dell’acquirente, il credito vantato dal venditore, relativo ai beni mobili da trasportare da un luogo ad un altro, può essere provato allegando la prova che il bene sia stato effettivamente consegnato al vettore o allo spedizioniere. Infatti, secondo l’interpretazione dell’articolo 1510 c.c. fornita dalla Suprema Corte, è con la consegna della merce che si perfeziona il trasferimento della proprietà della res in capo all’acquirente.