INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

In tema di concordato preventivo, il ritardo nell’adempimento degli obblighi informativi periodici non determina necessariamente l’avvio dell’iniziativa di cui all’art. 162 comma 2 l.fall.

Tribunale di Mantova, 13 agosto 2020. Est. Bernardi

In materia di concordato preventivo, l’art. 161, comma 8, l.fall. configura in capo al debitore degli obblighi informativi periodici, che consistono nel deposito mensile di un prospetto contenente la situazione finanziaria dell’impresa. Ll’eventuale violazione di tali obblighi determinerebbe automaticamente l’inammissibilità del concordato da parte del Tribunale ex art. 162 comma 2.. Sul punto è intervenuto il Tribunale di Mantova che, con la pronuncia in esame, ha precisato che il mero ritardo nel deposito della predetta relazione periodica da parte del debitore ammesso al concordato preventivo in bianco non determina una dichiarazione di inammissibilità della proposta purché sia accertato che non sono stati commessi atti in frode o dannosi per gli interessi dei creditori coinvolti.

In tema di concordato preventivo, il ritardo nell’adempimento degli obblighi informativi periodici non determina necessariamente l’avvio dell’iniziativa di cui all’art. 162 comma 2 l.fall.

Tribunale di Mantova, 13 agosto 2020. Est. Bernardi

In materia di concordato preventivo, l’art. 161, comma 8, l.fall. configura in capo al debitore degli obblighi informativi periodici, che consistono nel deposito mensile di un prospetto contenente la situazione finanziaria dell’impresa. Ll’eventuale violazione di tali obblighi determinerebbe automaticamente l’inammissibilità del concordato da parte del Tribunale ex art. 162 comma 2.. Sul punto è intervenuto il Tribunale di Mantova che, con la pronuncia in esame, ha precisato che il mero ritardo nel deposito della predetta relazione periodica da parte del debitore ammesso al concordato preventivo in bianco non determina una dichiarazione di inammissibilità della proposta purché sia accertato che non sono stati commessi atti in frode o dannosi per gli interessi dei creditori coinvolti.