INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La mancata comparizione del creditore all’udienza per la dichiarazione di fallimento non è interpretabile come tacita rinuncia all’istanza

Corte d’Appello di Catania, 26 Febbraio 2021. Pres. Milone. Est. Fichera

Con la sentenza in commento, la Corte d’Appello di Catania ha ritenuto che la mancata comparizione del creditore, il quale abbia proposto un’istanza per la dichiarazione di fallimento, all’udienza fissata a seguito del rinvio di quella per l’audizione del debitore, non può essere considerata come tacita rinuncia all’istanza di fallimento. La Corte d’Appello ha precisato che tale interpretazione debba essere accolta anche nel caso in cui il debitore alla prima udienza abbia chiesto il rinvio e abbia formulato una proposta di definizione della vertenza.

La mancata comparizione del creditore all’udienza per la dichiarazione di fallimento non è interpretabile come tacita rinuncia all’istanza

Corte d’Appello di Catania, 26 Febbraio 2021. Pres. Milone. Est. Fichera

Con la sentenza in commento, la Corte d’Appello di Catania ha ritenuto che la mancata comparizione del creditore, il quale abbia proposto un’istanza per la dichiarazione di fallimento, all’udienza fissata a seguito del rinvio di quella per l’audizione del debitore, non può essere considerata come tacita rinuncia all’istanza di fallimento. La Corte d’Appello ha precisato che tale interpretazione debba essere accolta anche nel caso in cui il debitore alla prima udienza abbia chiesto il rinvio e abbia formulato una proposta di definizione della vertenza.