INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La parte offesa da un reato può chiedere l’ammissione al passivo del fallimento del soggetto chiamato a rispondere civilmente per il fatto dell’imputato anche in via privilegiata

Cassazione civile, sez. VI, 13 febbraio 2020, n. 3683. Pres. Scaldaferri. Est. Ferro

La parte offesa da un reato può chiedere l’ammissione al passivo del fallimento del soggetto chiamato a rispondere civilmente per il fatto dell’imputato anche in via privilegiata. Tuttavia, in tale ipotesi, la Cassazione ha chiarito che, ai fini dell’ammissione al passivo, la parte offesa dovrà provare: a) l’esistenza di un processo penale in corso; b) che il soggetto dichiarato fallito fosse effettivamente legato all’imputato del predetto procedimento penale da un rapporto tale da giustificarne la responsabilità in sede civile per il fatto dell’imputato; c) che il soggetto vittima del reato si fosse costituito parte civile e che il soggetto, poi dichiarato fallito, fosse stato convenuto nel processo penale in qualità di responsabile civile; d) che sia intervenuto nel processo penale il sequestro dei beni del responsabile civile.

La parte offesa da un reato può chiedere l’ammissione al passivo del fallimento del soggetto chiamato a rispondere civilmente per il fatto dell’imputato anche in via privilegiata

Cassazione civile, sez. VI, 13 febbraio 2020, n. 3683. Pres. Scaldaferri. Est. Ferro

La parte offesa da un reato può chiedere l’ammissione al passivo del fallimento del soggetto chiamato a rispondere civilmente per il fatto dell’imputato anche in via privilegiata. Tuttavia, in tale ipotesi, la Cassazione ha chiarito che, ai fini dell’ammissione al passivo, la parte offesa dovrà provare: a) l’esistenza di un processo penale in corso; b) che il soggetto dichiarato fallito fosse effettivamente legato all’imputato del predetto procedimento penale da un rapporto tale da giustificarne la responsabilità in sede civile per il fatto dell’imputato; c) che il soggetto vittima del reato si fosse costituito parte civile e che il soggetto, poi dichiarato fallito, fosse stato convenuto nel processo penale in qualità di responsabile civile; d) che sia intervenuto nel processo penale il sequestro dei beni del responsabile civile.