INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

L’art. 183, co. 1, T.U.I.R. che assoggetta a tassazione i redditi del fallimento e della liquidazione coatta amministrativa non si applica estensivamente al concordato preventivo

Cassazione civile, sez. V, tributaria, 28 Maggio 2020, n. 10108. Pres. Bruschetta. Est. D’Aquino

Con la pronuncia in esame la Suprema Corte, chiamata a pronunciarsi sul tema del reddito d’impresa, ha concluso che l’art. 183, co. 1, T.U.I.R., che assoggetta a tassazione i redditi del fallimento e della liquidazione coatta amministrativa, non si applica estensivamente al concordato preventivo. Infatti, durante il maxiperiodo concorsuale, che intercorre tra l’inizio e la chiusura della procedura concorsuale stessa, l’imprenditore insolvente continua ad assolvere gli obblighi tributari secondo le regole ordinarie, come qualunque contribuente “in bonis“. Ne consegue, dunque, la scomputabilità delle ritenute in acconto operate ex art. 26, co. 2, D.P.R. n. 600 del 1973 in ciascun periodo di imposta nel quale i redditi si sono prodotti.

L’art. 183, co. 1, T.U.I.R. che assoggetta a tassazione i redditi del fallimento e della liquidazione coatta amministrativa non si applica estensivamente al concordato preventivo

Cassazione civile, sez. V, tributaria, 28 Maggio 2020, n. 10108. Pres. Bruschetta. Est. D’Aquino

Con la pronuncia in esame la Suprema Corte, chiamata a pronunciarsi sul tema del reddito d’impresa, ha concluso che l’art. 183, co. 1, T.U.I.R., che assoggetta a tassazione i redditi del fallimento e della liquidazione coatta amministrativa, non si applica estensivamente al concordato preventivo. Infatti, durante il maxiperiodo concorsuale, che intercorre tra l’inizio e la chiusura della procedura concorsuale stessa, l’imprenditore insolvente continua ad assolvere gli obblighi tributari secondo le regole ordinarie, come qualunque contribuente “in bonis“. Ne consegue, dunque, la scomputabilità delle ritenute in acconto operate ex art. 26, co. 2, D.P.R. n. 600 del 1973 in ciascun periodo di imposta nel quale i redditi si sono prodotti.