INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Prededucibilità del credito relativo al compenso dell’attestatore anche nel caso in cui il concordato sia dichiarato inammissibile

Cassazione civile, sez. VI, 28 gennaio 2021, n. 1961. Pres. Iofrida. Est. Pazzi

Nell’ambito di un concordato preventivo, la Corte di Cassazione, con la pronuncia in esame, ha stabilito che il credito del professionista che ha il compito di redigere l’attestazione entro il termine fissato dal giudice, ex art. 161 comma 6 l.f., ha natura prededucibile nel successivo fallimento, anche qualora il giudice dichiari l’inammissibilità della domanda di concordato. La ratio di tale orientamento deriva dall’applicazione del successivo comma 7, in ossequio al quale i crediti di terzi eventualmente sorti per effetto degli atti legalmente compiuti dal debitore sono prededucibili.

Prededucibilità del credito relativo al compenso dell’attestatore anche nel caso in cui il concordato sia dichiarato inammissibile

Cassazione civile, sez. VI, 28 gennaio 2021, n. 1961. Pres. Iofrida. Est. Pazzi

Nell’ambito di un concordato preventivo, la Corte di Cassazione, con la pronuncia in esame, ha stabilito che il credito del professionista che ha il compito di redigere l’attestazione entro il termine fissato dal giudice, ex art. 161 comma 6 l.f., ha natura prededucibile nel successivo fallimento, anche qualora il giudice dichiari l’inammissibilità della domanda di concordato. La ratio di tale orientamento deriva dall’applicazione del successivo comma 7, in ossequio al quale i crediti di terzi eventualmente sorti per effetto degli atti legalmente compiuti dal debitore sono prededucibili.