INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Sulla facoltà del tribunale di autorizzare il pagamento rateale del debito IVA scaturito previsto all’art. 54 bis DPR 633/72 in data anteriore alla procedura

Tribunale Bergamo, 15 Luglio 2020. Pres., est. Laura De Simone

Con la pronuncia in esame, il Tribunale di Bergamo ha stabilito che, una volta avvenuto il deposito del ricorso per il concordato con riserva ex art. 161, comma 6, l. fall. e prima che l’impresa sia stata ammessa alla procedura di concordato, il Tribunale ha la facoltà di autorizzare il pagamento rateale del debito IVA scaturito dal controllo automatizzato previsto all’art. 54 bis DPR 633/72 in data anteriore alla procedura. Tuttavia, continua il Tribunale rilevando che tale autorizzazione potrà essere concessa solo nell’ipotesi in cui sia possibile presumere che l’effettuazione di tali pagamenti non arrechi pregiudizio agli interessi della massa dei creditori, alla luce delle informazioni offerte dal proponente a supporto della propria istanza e previa verifica da parte del commissario giudiziale.

Sulla facoltà del tribunale di autorizzare il pagamento rateale del debito IVA scaturito previsto all’art. 54 bis DPR 633/72 in data anteriore alla procedura

Tribunale Bergamo, 15 Luglio 2020. Pres., est. Laura De Simone

Con la pronuncia in esame, il Tribunale di Bergamo ha stabilito che, una volta avvenuto il deposito del ricorso per il concordato con riserva ex art. 161, comma 6, l. fall. e prima che l’impresa sia stata ammessa alla procedura di concordato, il Tribunale ha la facoltà di autorizzare il pagamento rateale del debito IVA scaturito dal controllo automatizzato previsto all’art. 54 bis DPR 633/72 in data anteriore alla procedura. Tuttavia, continua il Tribunale rilevando che tale autorizzazione potrà essere concessa solo nell’ipotesi in cui sia possibile presumere che l’effettuazione di tali pagamenti non arrechi pregiudizio agli interessi della massa dei creditori, alla luce delle informazioni offerte dal proponente a supporto della propria istanza e previa verifica da parte del commissario giudiziale.