INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Bonus locazioni anche per la sublocazione

data: 24.09.2020
Area: Fiscale e Tributario

Il canone di sublocazione pagato per la stanza di un professionista può beneficiare del credito d’imposta sui canoni di locazione di cui all’art. 28 del DL 34/2020. È l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 356 del 15 settembre 2020 a chiarire che rientrano nell’ambito applicativo dell’agevolazione anche i canoni di sublocazione.

La norma agevolativa, nel definire il campo oggettivo di applicazione del credito, fa riferimento testualmente ai contratti di “locazione, di leasing o di concessione di immobili”, senza includere espressamente la sublocazione. Tuttavia, il contratto di sublocazione è un subcontratto che, pertanto, ripropone il medesimo schema contrattuale del contratto da cui dipende. Inoltre, è difficile dubitare del fatto che anche il contratto di sublocazione soddisfi la ratio agevolativa del bonus in oggetto.

Pertanto, in presenza delle condizioni individuate dall’art. 28 del DL 34/2020, non solo il subconduttore può accedere al credito ma anche il conduttore principale potrà fruire del beneficio.

Il credito d’imposta è commisurato all’importo versato per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno 2020 (almeno per la generalità dei contribuenti).

La stessa disposizione normativa, inoltre, pone, quale specifica condizione per poter beneficiare del credito d’imposta in esame, la riduzione del fatturato, nel mese di riferimento, di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente.

Bonus locazioni anche per la sublocazione

data: 24.09.2020
Area: Fiscale e Tributario

Il canone di sublocazione pagato per la stanza di un professionista può beneficiare del credito d’imposta sui canoni di locazione di cui all’art. 28 del DL 34/2020. È l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 356 del 15 settembre 2020 a chiarire che rientrano nell’ambito applicativo dell’agevolazione anche i canoni di sublocazione.

La norma agevolativa, nel definire il campo oggettivo di applicazione del credito, fa riferimento testualmente ai contratti di “locazione, di leasing o di concessione di immobili”, senza includere espressamente la sublocazione. Tuttavia, il contratto di sublocazione è un subcontratto che, pertanto, ripropone il medesimo schema contrattuale del contratto da cui dipende. Inoltre, è difficile dubitare del fatto che anche il contratto di sublocazione soddisfi la ratio agevolativa del bonus in oggetto.

Pertanto, in presenza delle condizioni individuate dall’art. 28 del DL 34/2020, non solo il subconduttore può accedere al credito ma anche il conduttore principale potrà fruire del beneficio.

Il credito d’imposta è commisurato all’importo versato per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno 2020 (almeno per la generalità dei contribuenti).

La stessa disposizione normativa, inoltre, pone, quale specifica condizione per poter beneficiare del credito d’imposta in esame, la riduzione del fatturato, nel mese di riferimento, di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente.