INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Buoni pasto ai dipendenti in smart working non imponibili

data: 12.02.2021
Area: Fiscale e Tributario

Con la risposta a interpello n. 956-2631/2020, la Direzione Regionale del Lazio ha chiarito che i buoni pasto concessi ai dipendenti in smart working non concorrono alla formazione del reddito del lavoratore entro il limite di 4 euro per i ticket cartacei e di 8 euro per quelli elettronici, confermando in sostanza l’irrilevanza della modalità di svolgimento dell’attività lavorativa ai fini dell’applicazione del regime di favore per i buoni pasto.

L’Agenzia ha rilevato che l’art. 4 del DM 7.6.2017 n. 122, che, pur non avendo natura tributaria, assume rilevanza anche ai fini fiscali, dispone che il buono pasto può essere corrisposto da parte del datore in favore dei dipendenti assunti, sia a tempo pieno che a tempo parziale, anche qualora l’articolazione dell’orario di lavoro non preveda una pausa per il pranzo; tale previsione tiene conto che la realtà lavorativa è sempre più caratterizzata da forme di lavoro flessibili.

Buoni pasto ai dipendenti in smart working non imponibili

data: 12.02.2021
Area: Fiscale e Tributario

Con la risposta a interpello n. 956-2631/2020, la Direzione Regionale del Lazio ha chiarito che i buoni pasto concessi ai dipendenti in smart working non concorrono alla formazione del reddito del lavoratore entro il limite di 4 euro per i ticket cartacei e di 8 euro per quelli elettronici, confermando in sostanza l’irrilevanza della modalità di svolgimento dell’attività lavorativa ai fini dell’applicazione del regime di favore per i buoni pasto.

L’Agenzia ha rilevato che l’art. 4 del DM 7.6.2017 n. 122, che, pur non avendo natura tributaria, assume rilevanza anche ai fini fiscali, dispone che il buono pasto può essere corrisposto da parte del datore in favore dei dipendenti assunti, sia a tempo pieno che a tempo parziale, anche qualora l’articolazione dell’orario di lavoro non preveda una pausa per il pranzo; tale previsione tiene conto che la realtà lavorativa è sempre più caratterizzata da forme di lavoro flessibili.