INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Credito d’imposta sanificazione al 47,1617%

data: 18.12.2020
Area: Fiscale e Tributario

E’ stata ricalcolata la percentuale di spettanza del bonus sanificazione a seguito del rifinanziamento dei fondi disponibili. La nuova percentuale di fruizione del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione, previsto dal Decreto Rilancio, è pari al 47,1617%, ottenuta dal rapporto tra le risorse disponibili (603.000.000 euro) e i crediti d’imposta richiesti (1.278.578.142 euro), troncata alla quarta cifra decimale. Lo ha disposto l’Agenzia delle Entrate con il nuovo provvedimento n. 381183 del 17 dicembre 2020. La nuova percentuale è stata calcolata, tenendo conto delle risorse complessivamente disponibili, pari a 200.000.000 euro inizialmente stanziati, più 403.000.000 euro aggiuntivi.

Ciascun beneficiario può visualizzare il credito d’imposta fruibile, determinato ai sensi del periodo precedente, tramite il proprio cassetto fiscale accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate. Il credito d’imposta può essere utilizzato dai beneficiari, fino all’importo massimo fruibile, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa e in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del d.lgs. 241/1997 utilizzando il codice tributo «6917» con il modello di delega «F24» esclusivamente tramite i servizi telematici delle Entrate, senza dover rispettare i limiti introdotti dall’art. 34 della legge 388/200 e del comma 53, dell’art. 1 della legge 244/2007, tempo per tempo vigenti.

Credito d’imposta sanificazione al 47,1617%

data: 18.12.2020
Area: Fiscale e Tributario

E’ stata ricalcolata la percentuale di spettanza del bonus sanificazione a seguito del rifinanziamento dei fondi disponibili. La nuova percentuale di fruizione del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione, previsto dal Decreto Rilancio, è pari al 47,1617%, ottenuta dal rapporto tra le risorse disponibili (603.000.000 euro) e i crediti d’imposta richiesti (1.278.578.142 euro), troncata alla quarta cifra decimale. Lo ha disposto l’Agenzia delle Entrate con il nuovo provvedimento n. 381183 del 17 dicembre 2020. La nuova percentuale è stata calcolata, tenendo conto delle risorse complessivamente disponibili, pari a 200.000.000 euro inizialmente stanziati, più 403.000.000 euro aggiuntivi.

Ciascun beneficiario può visualizzare il credito d’imposta fruibile, determinato ai sensi del periodo precedente, tramite il proprio cassetto fiscale accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate. Il credito d’imposta può essere utilizzato dai beneficiari, fino all’importo massimo fruibile, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa e in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del d.lgs. 241/1997 utilizzando il codice tributo «6917» con il modello di delega «F24» esclusivamente tramite i servizi telematici delle Entrate, senza dover rispettare i limiti introdotti dall’art. 34 della legge 388/200 e del comma 53, dell’art. 1 della legge 244/2007, tempo per tempo vigenti.