INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Decreto Sostegni: annullamento dei carichi

data: 26.03.2021
Area: Fiscale e Tributario

Con il nuovo Decreto Sostegni sono automaticamente annullati i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro risultanti da singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2010 (anche se ricompresi nelle varie forme di rottamazione) delle persone fisiche che hanno conseguito, nel 2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

La stessa misura è estesa anche ai soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno conseguito, nel periodo d’imposta in corso al 31.12.2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

Sarà emanato, a tal fine entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Sostegni, un apposito decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Visto che il decreto MEF dovrà stabilire tutte le tempistiche, fino a quando verrà emanato è sospesa la riscossione di tutti i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro, compresi capitale e interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 e sono sospesi i relativi termini di prescrizione.

Decreto Sostegni: annullamento dei carichi

data: 26.03.2021
Area: Fiscale e Tributario

Con il nuovo Decreto Sostegni sono automaticamente annullati i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro risultanti da singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2010 (anche se ricompresi nelle varie forme di rottamazione) delle persone fisiche che hanno conseguito, nel 2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

La stessa misura è estesa anche ai soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno conseguito, nel periodo d’imposta in corso al 31.12.2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

Sarà emanato, a tal fine entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Sostegni, un apposito decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Visto che il decreto MEF dovrà stabilire tutte le tempistiche, fino a quando verrà emanato è sospesa la riscossione di tutti i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro, compresi capitale e interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 e sono sospesi i relativi termini di prescrizione.