INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Differimento imposta di bollo sulle fatture elettroniche

data: 24.04.2020
Area: Fiscale e Tributario

In base al Decreto liquidità il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri dell’anno solare può essere posticipata in presenza di particolari condizioni:

  • se l’imposta dovuta per le fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2020 è inferiore a 250 euro, il versamento può essere effettuato entro il termine previsto per il secondo trimestre (20 luglio);
  • se l’imposta dovuta complessivamente per le fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri 2020 è inferiore a 250 euro, il versamento può essere effettuato per entrambi i trimestri entro il termine previsto per il terzo trimestre (20 ottobre).

Per il terzo e quarto trimestre non sono previsti differimenti, quindi la relativa imposta di bollo dovuta deve essere corrisposta alle scadenze ordinarie, rispettivamente 20 ottobre e 20 gennaio. È stata invece eliminata la possibilità, prevista dal previgente co. 1-bis dell’art. 17 del DL 124/2019, di effettuare i versamenti su base semestrale in caso di importi annui non superiori a 1.000 euro.

Differimento imposta di bollo sulle fatture elettroniche

data: 24.04.2020
Area: Fiscale e Tributario

In base al Decreto liquidità il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri dell’anno solare può essere posticipata in presenza di particolari condizioni:

  • se l’imposta dovuta per le fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2020 è inferiore a 250 euro, il versamento può essere effettuato entro il termine previsto per il secondo trimestre (20 luglio);
  • se l’imposta dovuta complessivamente per le fatture elettroniche emesse nei primi due trimestri 2020 è inferiore a 250 euro, il versamento può essere effettuato per entrambi i trimestri entro il termine previsto per il terzo trimestre (20 ottobre).

Per il terzo e quarto trimestre non sono previsti differimenti, quindi la relativa imposta di bollo dovuta deve essere corrisposta alle scadenze ordinarie, rispettivamente 20 ottobre e 20 gennaio. È stata invece eliminata la possibilità, prevista dal previgente co. 1-bis dell’art. 17 del DL 124/2019, di effettuare i versamenti su base semestrale in caso di importi annui non superiori a 1.000 euro.