INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Disposizioni temporanee sui principi di redazione del bilancio

data: 24.04.2020
Area: Fiscale e Tributario

In considerazione dell’emergenza epidemiologica in corso e delle ricadute, profonde ma temporanee, che la stessa può determinare sulle prospettive di continuità aziendale, il Decreto Liquidità è intervenuto consentendo alle imprese, che prima dell’emergenza COVID–19 presentavano una regolare prospettiva di continuità, di redigere ed approvare i bilanci al 31 dicembre 2020 operando la valutazione delle voci nella prospettiva della continuazione dell’attività di cui all’art. 2423-bis, comma primo, n. 1), del codice civile. Pertanto, la valutazione delle voci nella prospettiva della continuazione dell’attività può comunque essere operata se risulta sussistente nell’ultimo bilancio di esercizio chiuso in data anteriore al 23 febbraio 2020.

Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche ai bilanci chiusi entro il 23 febbraio 2020 e non ancora approvati.

Resta infine salva la previsione di cui all’art. 106 del Decreto Cura Italia che aveva disposto la proroga di sessanta giorni del termine per l’adozione dei rendiconti o dei bilanci d’esercizio relativi all’esercizio 2019, ordinariamente fissato al 30 aprile 2020.

Disposizioni temporanee sui principi di redazione del bilancio

data: 24.04.2020
Area: Fiscale e Tributario

In considerazione dell’emergenza epidemiologica in corso e delle ricadute, profonde ma temporanee, che la stessa può determinare sulle prospettive di continuità aziendale, il Decreto Liquidità è intervenuto consentendo alle imprese, che prima dell’emergenza COVID–19 presentavano una regolare prospettiva di continuità, di redigere ed approvare i bilanci al 31 dicembre 2020 operando la valutazione delle voci nella prospettiva della continuazione dell’attività di cui all’art. 2423-bis, comma primo, n. 1), del codice civile. Pertanto, la valutazione delle voci nella prospettiva della continuazione dell’attività può comunque essere operata se risulta sussistente nell’ultimo bilancio di esercizio chiuso in data anteriore al 23 febbraio 2020.

Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche ai bilanci chiusi entro il 23 febbraio 2020 e non ancora approvati.

Resta infine salva la previsione di cui all’art. 106 del Decreto Cura Italia che aveva disposto la proroga di sessanta giorni del termine per l’adozione dei rendiconti o dei bilanci d’esercizio relativi all’esercizio 2019, ordinariamente fissato al 30 aprile 2020.