INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

IMU 2020 esenzione seconda rata

data: 11.12.2020
Area: Fiscale e Tributario

L’esenzione dal versamento della seconda rata dell’IMU per l’anno 2020, in scadenza entro il 16.12.2020, è stabilita:

  • dall’art. 5 del DL 149/2020 (DL “Ristori bis”);
  • dall’art. 9 del DL 137/2020 (“decreto Ristori”);
  • dall’art. 78 del DL 104/2020 (“decreto Agosto”).

L’art. 8 del DL 30.11.2020 n. 157 (c.d. “Ristori-quater”), inoltre, stabilisce che le esenzioni previste dalle suddette norme si applicano a tutti i soggetti passivi dell’IMU (così come individuati dall’art. 1 co. 743 della L. 160/2019, e non solo ai proprietari), che siano anche gestori delle attività economiche a tal fine individuate.

Le esenzioni dalla seconda rata IMU previste nell’art. 5, comma 1, D.L. 9 novembre 2020, n. 149 (decreto Ristori bis) sono strettamente legate alle ordinanze del Ministro della Salute relative alla determinazione delle aree con scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.

L’art. 9 del D.L. n. 137/2020 stabilisce che, ferme restando le disposizioni dell’art. 78 del D.L. n. 104/2020, per l’anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell’IMU, concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nell’allegato 1 al decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

L’art. 78, comma 1, lettera a), D.L. 14 agosto 2020, n. 104 (decreto Agosto) stabilisce che non è dovuta la seconda rata, anno 2020, dell’IMU relativa a immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali.

IMU 2020 esenzione seconda rata

data: 11.12.2020
Area: Fiscale e Tributario

L’esenzione dal versamento della seconda rata dell’IMU per l’anno 2020, in scadenza entro il 16.12.2020, è stabilita:

  • dall’art. 5 del DL 149/2020 (DL “Ristori bis”);
  • dall’art. 9 del DL 137/2020 (“decreto Ristori”);
  • dall’art. 78 del DL 104/2020 (“decreto Agosto”).

L’art. 8 del DL 30.11.2020 n. 157 (c.d. “Ristori-quater”), inoltre, stabilisce che le esenzioni previste dalle suddette norme si applicano a tutti i soggetti passivi dell’IMU (così come individuati dall’art. 1 co. 743 della L. 160/2019, e non solo ai proprietari), che siano anche gestori delle attività economiche a tal fine individuate.

Le esenzioni dalla seconda rata IMU previste nell’art. 5, comma 1, D.L. 9 novembre 2020, n. 149 (decreto Ristori bis) sono strettamente legate alle ordinanze del Ministro della Salute relative alla determinazione delle aree con scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.

L’art. 9 del D.L. n. 137/2020 stabilisce che, ferme restando le disposizioni dell’art. 78 del D.L. n. 104/2020, per l’anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell’IMU, concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nell’allegato 1 al decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

L’art. 78, comma 1, lettera a), D.L. 14 agosto 2020, n. 104 (decreto Agosto) stabilisce che non è dovuta la seconda rata, anno 2020, dell’IMU relativa a immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali.