INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Modello F24 esteso ai versamenti per la registrazione di atti privati

data: 06.02.2020
Area: Fiscale e Tributario

Attraverso il provvedimento n. 18379/2020 pubblicato il 27 gennaio, l’Agenzia delle Entrate dispone che, a partire dal 2 marzo 2020, per il versamento dei tributi e dei relativi interessi, sanzioni e accessori dovuti in relazione alla registrazione degli atti privati, bisognerà utilizzare il Modello F24 e non più il Modello F23.

Il provvedimento si applica a tutti gli atti privati soggetti a registrazione (in termine fisso, in caso d’uso o presentati volontariamente per la registrazione, viene precisato nelle motivazioni).

Non cambiano, invece, le modalità di versamento con F24 di tributi, interessi, sanzioni e accessori dovuti per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili e degli atti costitutivi delle start up innovative.

In un’ottica di razionalizzazione delle modalità di pagamento, il modello F24 garantisce maggiore efficienza e rappresenta un ulteriore progresso verso la semplificazione degli adempimenti fiscali dei contribuenti, che già utilizzano il modello F24 per il pagamento di numerosi tributi.

Al fine di consentire l’adeguamento delle procedure e dei sistemi informatici, l’obbligo di adozione del modello F24 è stabilito per gli atti presentati per la registrazione a partire dal 2 marzo 2020.

Fino al 31 agosto 2020, sarà ancora possibile usare il modello F23. A partire dal 1° settembre 2020 i versamenti dovranno essere necessariamente effettuati con il modello F24.

Modello F24 esteso ai versamenti per la registrazione di atti privati

data: 06.02.2020
Area: Fiscale e Tributario

Attraverso il provvedimento n. 18379/2020 pubblicato il 27 gennaio, l’Agenzia delle Entrate dispone che, a partire dal 2 marzo 2020, per il versamento dei tributi e dei relativi interessi, sanzioni e accessori dovuti in relazione alla registrazione degli atti privati, bisognerà utilizzare il Modello F24 e non più il Modello F23.

Il provvedimento si applica a tutti gli atti privati soggetti a registrazione (in termine fisso, in caso d’uso o presentati volontariamente per la registrazione, viene precisato nelle motivazioni).

Non cambiano, invece, le modalità di versamento con F24 di tributi, interessi, sanzioni e accessori dovuti per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili e degli atti costitutivi delle start up innovative.

In un’ottica di razionalizzazione delle modalità di pagamento, il modello F24 garantisce maggiore efficienza e rappresenta un ulteriore progresso verso la semplificazione degli adempimenti fiscali dei contribuenti, che già utilizzano il modello F24 per il pagamento di numerosi tributi.

Al fine di consentire l’adeguamento delle procedure e dei sistemi informatici, l’obbligo di adozione del modello F24 è stabilito per gli atti presentati per la registrazione a partire dal 2 marzo 2020.

Fino al 31 agosto 2020, sarà ancora possibile usare il modello F23. A partire dal 1° settembre 2020 i versamenti dovranno essere necessariamente effettuati con il modello F24.