INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Rivalutazione terreni e partecipazioni proroga al 2021

data: 14.01.2021
Area: Fiscale e Tributario

Quella prevista dalla legge di Bilancio 2021 è l’ennesima riapertura della possibilità di rivalutare terreni e partecipazioni possedute alla data del 1° gennaio 2021 da:

  • persone fisiche per operazioni estranee all’attività di impresa
  • società semplici ed enti ad esse equiparate
  • enti non commerciali per i beni che non rientrano nell’esercizio di impresa commerciale.

Le categorie di beni rivalutabili sono:

  • terreni a destinazione agricola o edificabili, compresi i terreni lottizzati o quelli su cui sono state costruite opere per renderli edificabili posseduti, non da imprese commerciali, a titolo di proprietà, nuda proprietà, usufrutto, enfiteusi.
  • partecipazioni in società non quotate in mercati regolamentati (qualificate o meno), possedute a titolo di proprietà o usufrutto.

La Legge di Bilancio 2021 riapre la possibilità di  rideterminare il valore d’acquisto di terreni e di partecipazioni in società non quotate mediante pagamento di un’imposta sostitutiva, con aliquota fissata all’11%. Le condizioni per potere effettuare la rivalutazioni sono:

  • il possesso dei beni alla data del 1 gennaio 2021
  • la redazione e giuramento della perizia entro il 30 giugno 2021
  • il pagamento imposta sostitutiva dell’11% sul valore rideterminato dei terreni e partecipazioni sia qualificate che non qualificate.

Attraverso questo regime, sarà possibile assumere, in luogo del costo o valore di acquisto, il valore delle quote e delle azioni mediante l’assolvimento di un’imposta sostitutiva sul c.d. “valore di perizia”.

Rivalutazione terreni e partecipazioni proroga al 2021

data: 14.01.2021
Area: Fiscale e Tributario

Quella prevista dalla legge di Bilancio 2021 è l’ennesima riapertura della possibilità di rivalutare terreni e partecipazioni possedute alla data del 1° gennaio 2021 da:

  • persone fisiche per operazioni estranee all’attività di impresa
  • società semplici ed enti ad esse equiparate
  • enti non commerciali per i beni che non rientrano nell’esercizio di impresa commerciale.

Le categorie di beni rivalutabili sono:

  • terreni a destinazione agricola o edificabili, compresi i terreni lottizzati o quelli su cui sono state costruite opere per renderli edificabili posseduti, non da imprese commerciali, a titolo di proprietà, nuda proprietà, usufrutto, enfiteusi.
  • partecipazioni in società non quotate in mercati regolamentati (qualificate o meno), possedute a titolo di proprietà o usufrutto.

La Legge di Bilancio 2021 riapre la possibilità di  rideterminare il valore d’acquisto di terreni e di partecipazioni in società non quotate mediante pagamento di un’imposta sostitutiva, con aliquota fissata all’11%. Le condizioni per potere effettuare la rivalutazioni sono:

  • il possesso dei beni alla data del 1 gennaio 2021
  • la redazione e giuramento della perizia entro il 30 giugno 2021
  • il pagamento imposta sostitutiva dell’11% sul valore rideterminato dei terreni e partecipazioni sia qualificate che non qualificate.

Attraverso questo regime, sarà possibile assumere, in luogo del costo o valore di acquisto, il valore delle quote e delle azioni mediante l’assolvimento di un’imposta sostitutiva sul c.d. “valore di perizia”.