INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La violazione dell’obbligo di repêchage comporta la reintegra

Corte di Cassazione, sez. lavoro, sentenza del 2 dicembre 2022, n. 35496

data: 18.12.2022
Area: Diritto del Lavoro

Nei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo la violazione dell’obbligo di repêchage equivale ad insussistenza del fatto.

Da ciò ne consegue che, dando applicazione ai principi espressi nelle pronunce della Corte Costituzionale n. 59/2021 e n. 125/2022, va disposta la reintegra del lavoratore.

La violazione dell’obbligo di repêchage comporta la reintegra

Corte di Cassazione, sez. lavoro, sentenza del 2 dicembre 2022, n. 35496

data: 18.12.2022
Area: Diritto del Lavoro

Nei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo la violazione dell’obbligo di repêchage equivale ad insussistenza del fatto.

Da ciò ne consegue che, dando applicazione ai principi espressi nelle pronunce della Corte Costituzionale n. 59/2021 e n. 125/2022, va disposta la reintegra del lavoratore.