INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Permessi 104 e congedo straordinario anche in caso di unione civile

INPS, circolare del 7 marzo 2022 n. 36

data: 13.03.2022
Area: Diritto del Lavoro

Permessi 104 e congedo straordinario spettano anche in caso di assistenza ai familiari del partner dell’unione civile.

A stabilirlo è l’INPS, che con la circolare n. 36 del 7 marzo 2022 estende i benefici spettanti in caso di assistenza a disabili in condizione di gravità.

Una novità che allinea la normativa nazionale con l’orientamento comunitario, e che punta a garantire parità di trattamento e superare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale in materia di occupazione, condizioni di lavoro e retribuzione.

L’INPS evidenzia quindi che tra l’unito civilmente e i parenti del partner sussiste un rapporto di affinità, che nel rispetto delle condizioni previste in via ordinaria, porta all’estensione del diritto ai permessi 104 e al congedo straordinario anche in caso di assistenza ai familiari dell’unito.

Un’estensione che non si applica all’istituto della convivenza di fatto, per la quale le tutele continueranno ad essere riconosciute esclusivamente per l’assistenza al convivente.

Permessi 104 e congedo straordinario anche in caso di unione civile

INPS, circolare del 7 marzo 2022 n. 36

data: 13.03.2022
Area: Diritto del Lavoro

Permessi 104 e congedo straordinario spettano anche in caso di assistenza ai familiari del partner dell’unione civile.

A stabilirlo è l’INPS, che con la circolare n. 36 del 7 marzo 2022 estende i benefici spettanti in caso di assistenza a disabili in condizione di gravità.

Una novità che allinea la normativa nazionale con l’orientamento comunitario, e che punta a garantire parità di trattamento e superare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale in materia di occupazione, condizioni di lavoro e retribuzione.

L’INPS evidenzia quindi che tra l’unito civilmente e i parenti del partner sussiste un rapporto di affinità, che nel rispetto delle condizioni previste in via ordinaria, porta all’estensione del diritto ai permessi 104 e al congedo straordinario anche in caso di assistenza ai familiari dell’unito.

Un’estensione che non si applica all’istituto della convivenza di fatto, per la quale le tutele continueranno ad essere riconosciute esclusivamente per l’assistenza al convivente.