INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Reddito da lavoro e fringe benefits – polizze collettive sulla vita in favore dei dipendenti

Agenzie delle Entrate, risposta a Interpello del 18 settembre 2020, n. 383

data: 25.09.2020
Area: Diritto del Lavoro

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 383 del 18 settembre 2020, ha chiarito che le polizze collettive di assicurazione sulla vita stipulate dal datore di lavoro nell’interesse dei dipendenti sono da considerarsi fringe benefits, essendo a tutti gli effetti reddito da lavoro dipendente in base all’art. 51, comma 1, del D.p.r. n. 917/1986.

Al contrario, gli eventuali importi che i dipendenti dovessero riscuotere successivamente in ragione della polizza stipulata dal datore di lavoro sono assoggettati al regime tributario dei capitali riscossi in ragione delle assicurazioni sulla vita e, quindi, sono assoggettati all’imposta sostitutiva ex art. 26-tet del D.p.r. n. 600/1973.

Reddito da lavoro e fringe benefits – polizze collettive sulla vita in favore dei dipendenti

Agenzie delle Entrate, risposta a Interpello del 18 settembre 2020, n. 383

data: 25.09.2020
Area: Diritto del Lavoro

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 383 del 18 settembre 2020, ha chiarito che le polizze collettive di assicurazione sulla vita stipulate dal datore di lavoro nell’interesse dei dipendenti sono da considerarsi fringe benefits, essendo a tutti gli effetti reddito da lavoro dipendente in base all’art. 51, comma 1, del D.p.r. n. 917/1986.

Al contrario, gli eventuali importi che i dipendenti dovessero riscuotere successivamente in ragione della polizza stipulata dal datore di lavoro sono assoggettati al regime tributario dei capitali riscossi in ragione delle assicurazioni sulla vita e, quindi, sono assoggettati all’imposta sostitutiva ex art. 26-tet del D.p.r. n. 600/1973.