INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La Grecia propone ai Paesi UE l’acquisto congiunto dei diritti di brevetto sui futuri test e vaccini contro il Covid-19

Unites State District Court, Southern District of New York, March 26th, 2020, n. 1:16-cv-00724-LTS-SDA

data: 17.04.2020
Area: Proprietà Intellettuale

Nella lotta all’emergenza Covid-19, un ruolo fondamentale è ricoperto dagli studi per lo sviluppo di vaccini e nuovi test rapidi ai fini della prevenzione e individuazione tempestiva del virus. Molteplici sono le ricerche e le sperimentazioni in corso, tutte sovvenzionate da fondazioni, istituzioni o singoli governi. Ma, una volta perfezionati, in che modo verranno distribuiti i test e i vaccini tra la popolazione mondiale?

Elias Mossialos, professore di politica sanitaria e rappresentante della Grecia a livello internazionali sulle questioni inerenti al Covid-19, ha suggerito che gli Stati Membri dell’Unione Europea si attivino per acquistare congiuntamente i diritti di brevetto sui vaccini e sui test in corso di sviluppo, di modo che, qualora dovessero risultare efficaci, sia possibile assicurarne la più ampia ed equa distribuzione sul territorio europeo. In questo modo, il costo dei diritti di privativa sarebbe distribuito tra i vari Paesi, la produzione potrebbe essere organizzata in molte sedi in tutta Europa e, di conseguenza, i nuovi test e vaccini potrebbero essere velocemente resi accessibili per tutta la popolazione europea a prezzi ragionevoli.

Tale proposta ha avuto l’appoggio del Primo Ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, il quale ha sottolineato la necessità e l’urgenza di organizzare una strategia per garantire che i test e i vaccini contro il Covid-19, una volta perfezionati, siano velocemente resi disponibili per l’intera collettività. Egli ha inoltre evidenziato che l’attuazione di un simile piano incentiverebbe la ricerca e lo sviluppo, al contempo assicurando che il denaro dei contribuenti venga correttamente impiegato.

La Grecia propone ai Paesi UE l’acquisto congiunto dei diritti di brevetto sui futuri test e vaccini contro il Covid-19

Unites State District Court, Southern District of New York, March 26th, 2020, n. 1:16-cv-00724-LTS-SDA

data: 17.04.2020
Area: Proprietà Intellettuale

Nella lotta all’emergenza Covid-19, un ruolo fondamentale è ricoperto dagli studi per lo sviluppo di vaccini e nuovi test rapidi ai fini della prevenzione e individuazione tempestiva del virus. Molteplici sono le ricerche e le sperimentazioni in corso, tutte sovvenzionate da fondazioni, istituzioni o singoli governi. Ma, una volta perfezionati, in che modo verranno distribuiti i test e i vaccini tra la popolazione mondiale?

Elias Mossialos, professore di politica sanitaria e rappresentante della Grecia a livello internazionali sulle questioni inerenti al Covid-19, ha suggerito che gli Stati Membri dell’Unione Europea si attivino per acquistare congiuntamente i diritti di brevetto sui vaccini e sui test in corso di sviluppo, di modo che, qualora dovessero risultare efficaci, sia possibile assicurarne la più ampia ed equa distribuzione sul territorio europeo. In questo modo, il costo dei diritti di privativa sarebbe distribuito tra i vari Paesi, la produzione potrebbe essere organizzata in molte sedi in tutta Europa e, di conseguenza, i nuovi test e vaccini potrebbero essere velocemente resi accessibili per tutta la popolazione europea a prezzi ragionevoli.

Tale proposta ha avuto l’appoggio del Primo Ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, il quale ha sottolineato la necessità e l’urgenza di organizzare una strategia per garantire che i test e i vaccini contro il Covid-19, una volta perfezionati, siano velocemente resi disponibili per l’intera collettività. Egli ha inoltre evidenziato che l’attuazione di un simile piano incentiverebbe la ricerca e lo sviluppo, al contempo assicurando che il denaro dei contribuenti venga correttamente impiegato.