INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Il fallimento dell’amministratore di società a responsabilità limitata non determina la sua incapacità a rivestire la carica sociale

data: 18.09.2020
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

Il fallimento dell’amministratore di società a responsabilità limitata non determina la sua incapacità a rivestire la carica sociale. Sul punto, dottrina e giurisprudenza concordano nel ritenere che l’art 2382 c.c., rubricato “Cause di ineleggibilità e di decadenza”, non trovi applicazione nei confronti dell’amministratore di una società a responsabilità limitata. Conseguentemente, la dichiarazione di fallimento, pronunciata ai danni dell’amministratore di una s.r.l., non gli impedisce di proseguire nell’esercizio delle proprie funzioni.

Il fallimento dell’amministratore di società a responsabilità limitata non determina la sua incapacità a rivestire la carica sociale

data: 18.09.2020
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

Il fallimento dell’amministratore di società a responsabilità limitata non determina la sua incapacità a rivestire la carica sociale. Sul punto, dottrina e giurisprudenza concordano nel ritenere che l’art 2382 c.c., rubricato “Cause di ineleggibilità e di decadenza”, non trovi applicazione nei confronti dell’amministratore di una società a responsabilità limitata. Conseguentemente, la dichiarazione di fallimento, pronunciata ai danni dell’amministratore di una s.r.l., non gli impedisce di proseguire nell’esercizio delle proprie funzioni.