INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

La nomina dell’amministratore è valida anche senza la dichiarazione formale relativa all’assenza cause di ineleggibilità e interdizione

Consiglio Nazionale del Notariato: orientamento n.6/2022

data: 25.11.2022
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

La dichiarazione circa l’inesistenza a proprio carico delle cause di ineleggibilità previste dall’art. 2382 c.c. e delle cause di interdizione dall’ufficio di amministratore adottate nei propri confronti in uno Stato UE (recentemente introdotta dal D.Lgs. 183/2021), non necessita di menzioni formali risultanti dall’atto costitutivo di società, né dal verbale assembleare che contenga o dia atto della nomina dell’amministratore.

Ai fini della validità della nomina, rileva solo l’effettiva assenza delle cause in questione, non la presenza nell’atto costitutivo o nel verbale assembleare della predetta dichiarazione, per la quale la legge non richiede requisiti di forma.

La nomina dell’amministratore è valida anche senza la dichiarazione formale relativa all’assenza cause di ineleggibilità e interdizione

Consiglio Nazionale del Notariato: orientamento n.6/2022

data: 25.11.2022
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

La dichiarazione circa l’inesistenza a proprio carico delle cause di ineleggibilità previste dall’art. 2382 c.c. e delle cause di interdizione dall’ufficio di amministratore adottate nei propri confronti in uno Stato UE (recentemente introdotta dal D.Lgs. 183/2021), non necessita di menzioni formali risultanti dall’atto costitutivo di società, né dal verbale assembleare che contenga o dia atto della nomina dell’amministratore.

Ai fini della validità della nomina, rileva solo l’effettiva assenza delle cause in questione, non la presenza nell’atto costitutivo o nel verbale assembleare della predetta dichiarazione, per la quale la legge non richiede requisiti di forma.