INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Nel caso di società a ristretta base partecipativa, è ammessa la presunzione di distribuzione ai soci di utili non contabilizzati dalla società stessa

Cassazione civile, sez. V, 12 novembre 2020, n. 25501. Pres. Luciotti. Rel. Capozzi

data: 27.11.2020
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

La Corte di Cassazione con la pronuncia in esame, in tema di presunzioni, ha stabilito che nel caso di società a ristretta base partecipativa, è ammessa la presunzione di distribuzione ai soci di utili non contabilizzati dalla società stessa. Infatti, a detta della Cassazione, tale presunzione rispetta il divieto di presunzione di secondo grado, in quanto il fatto noto sarebbe costituito non dalla sussistenza di maggiori redditi induttivamente accertati nei confronti della società, bensì da fattori differenti, quali lla ristrettezza della base sociale, il vincolo di solidarietà ravvisabile fra i soci, la maggiore conoscibilità degli affari societari da parte di questi ultimi ed infine il reciproco controllo che i soci esercitano fra di loro.

Nel caso di società a ristretta base partecipativa, è ammessa la presunzione di distribuzione ai soci di utili non contabilizzati dalla società stessa

Cassazione civile, sez. V, 12 novembre 2020, n. 25501. Pres. Luciotti. Rel. Capozzi

data: 27.11.2020
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

La Corte di Cassazione con la pronuncia in esame, in tema di presunzioni, ha stabilito che nel caso di società a ristretta base partecipativa, è ammessa la presunzione di distribuzione ai soci di utili non contabilizzati dalla società stessa. Infatti, a detta della Cassazione, tale presunzione rispetta il divieto di presunzione di secondo grado, in quanto il fatto noto sarebbe costituito non dalla sussistenza di maggiori redditi induttivamente accertati nei confronti della società, bensì da fattori differenti, quali lla ristrettezza della base sociale, il vincolo di solidarietà ravvisabile fra i soci, la maggiore conoscibilità degli affari societari da parte di questi ultimi ed infine il reciproco controllo che i soci esercitano fra di loro.