INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Responsabilità degli amministratori e onere della prova in caso di violazione del divieto di nuove operazioni

Tribunale di Napoli, 8 marzo 2021. Pres. Raffone. Est. Del Bene

data: 30.04.2021
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Napoli si pronuncia in tema di responsabilità degli amministratori, precisando che il verificarsi di una causa di scioglimento della società non determina automaticamente il termine di ogni attività da parte della società, atteso che sussistono dei contratti in corso di esecuzione in relazione ai quali è necessario evitare di esporre la società ad azioni risarcitorie da parte delle controparti. Pertanto, posto che le operazioni eseguite in adempimento di obblighi pregressi non violano il divieto di compiere atti non meramente conservativi, il curatore che intende far valere la responsabilità ex art. 2486 comma 1 c.c. deve dimostrare che le tali operazioni abbiano comportato l’assunzione di un nuovo rischio economico-commerciale e che siano state compiute in un’ottica non conservativa.

Responsabilità degli amministratori e onere della prova in caso di violazione del divieto di nuove operazioni

Tribunale di Napoli, 8 marzo 2021. Pres. Raffone. Est. Del Bene

data: 30.04.2021
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Napoli si pronuncia in tema di responsabilità degli amministratori, precisando che il verificarsi di una causa di scioglimento della società non determina automaticamente il termine di ogni attività da parte della società, atteso che sussistono dei contratti in corso di esecuzione in relazione ai quali è necessario evitare di esporre la società ad azioni risarcitorie da parte delle controparti. Pertanto, posto che le operazioni eseguite in adempimento di obblighi pregressi non violano il divieto di compiere atti non meramente conservativi, il curatore che intende far valere la responsabilità ex art. 2486 comma 1 c.c. deve dimostrare che le tali operazioni abbiano comportato l’assunzione di un nuovo rischio economico-commerciale e che siano state compiute in un’ottica non conservativa.