INTRANET
Copyright 2020 - Quorum Studio Legale e Tributario Associato - Credits

Revoca degli amministratori in caso di assetti amministrativi non adeguati

Tribunale di Catania, decreto dell’8 febbraio 2023

data: 13.01.2024
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

I giudici di prime cure ribadiscono il principio di diritto in forza del quale l’imprenditore, sia che operi in forma societaria o collettiva, “ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

Da suddetto assunto discende che la carenza assoluta di assetti organizzativi adeguati, nel sottrarsi ai limiti di sindacabilità delle scelte gestorie, costituisce un grave inadempimento degli obblighi gravanti in capo all’organo amministrativo, potenzialmente dannoso per la società e gli interessi dei creditori sociali, ai sensi dell’art. 2409 c.c., con la conseguente necessità di adozione del provvedimento di revoca dell’organo amministrativo e di nomina di un amministratore giudiziario.

Revoca degli amministratori in caso di assetti amministrativi non adeguati

Tribunale di Catania, decreto dell’8 febbraio 2023

data: 13.01.2024
Area: Societario, Fusioni ed Acquisizioni

I giudici di prime cure ribadiscono il principio di diritto in forza del quale l’imprenditore, sia che operi in forma societaria o collettiva, “ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

Da suddetto assunto discende che la carenza assoluta di assetti organizzativi adeguati, nel sottrarsi ai limiti di sindacabilità delle scelte gestorie, costituisce un grave inadempimento degli obblighi gravanti in capo all’organo amministrativo, potenzialmente dannoso per la società e gli interessi dei creditori sociali, ai sensi dell’art. 2409 c.c., con la conseguente necessità di adozione del provvedimento di revoca dell’organo amministrativo e di nomina di un amministratore giudiziario.